Senza categoria

APPELLO DEI LACEDONIESI IN SVIZZERA «Il sisma in Emilia non può lasciarci indifferenti»

CORRIERE

LACEDONIA – Il sisma che ha duramente colpito le popolazioni dell’Emilia non poteva lasciare indifferenti quanti ne conoscono la portata devastante. E’ per questo che l’Associazione Lacedoniesi e Campani nel Mondo, per il comitato il presidente Michele Bortone, si rivolge ai Presidenti dell’Associazione Campane in Svizzera e nel Mondo, e ai connazionali lacedoniesi, dice:

«Il terremoto di magnitudo 6’9 sulla scala Richter che il 20 maggio ha colpito l’Emilia Romagna, di enorme vastità e distruzione, ha messo in ginocchio l’economia delle zone colpite. Sono complessivamente 13 mila i lavoratori rimasti a casa per i danni subiti da fabbriche, strutture tecniche e negozi nelle province di Modena, Ferrara e Bologna.

Il sisma ha colpito duro il settore meccanico (7mila persone ferme) e quello alimentare (1.500). bambini e adulti, hanno bisogno d’aiuto. Pensiamo in quale condizione versa la popolazione dopo la catastrofe, bambini disperati e sotto shock, la solidarietà non si ferma e non ha confini non possiamo restare indifferenti. Un appello alla vostra squisita sensibilità ed un gesto di solidarietà verso la popolazione d’Emilia Romagna. Il nostro pensiero va a tutti coloro che stanno vivendo questa tragedia».

 

Lacedonia  24/05/2012

Comunicato di Michele Bortone… foto concessa dal corriere dell’irpinia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.