Senza categoria

LA DIOCESI DI LACEDONIA TRA OTTOCENTO E NOVECENTO NELLE RELAZIONE DEL VESCOVO ZIMARINO

bolla (10)

Nota relativa alla visita ad limina del vescovo Giovanni Paolo Pallantiero. Archivio Segreto Vaticano, S. Congregatio Concilii, Relationes, carteggio 433/A

Mons. Nicola Zimarino, nuovo vescovo di Lacedonia, preconizzato da Papa Leone XIII nel Concistoro del 30 novembre 1895, assunse il possesso della diocesi il 6 gennaio 1896, dopo il trasferimento ad Acerenza-Matera del suo predecessore Diomede Falconio (115).Redasse la sua prima relazione triennale sullo stato della diocesi nel mese di novembre 1898, attestata dalla Sacra Congregazione il 26 novembre dello stesso anno, e la seconda nel novembre 1903, dopo cinque anni (116). Questi due importanti documenti inediti, mentre da un lato testimoniano l’avvertita sensibilità pastorale dello Zimarino, dall’altro costituiscono una fonte quanto mai significativa per la storia socio-religiosa dell’Alta Irpinia. Riteniamo pertanto utile riassumerli e riportarli nelle loro parti essenziali.

LA DIOCESI

La diocesi lacedoniese, risalente all’ XI secolo, e suffraganea della Metropolitana di Conza, ed è posta nella provincia di Principato Ultra. Confina con le diocesi di Bovino e di Ascoli a nord, di Ariano a ovest, di S. Angelo dei Lombardi e Bisaccia a sud, e di Melfi a est. Il suo vescovo non ha privilegi, ad eccezione dei titoli di barone di S. Biagio e di abate perpetuo di S. Maria delle Fratte di Castelbaronia, nonché di S. Maria di Anzano. Dopo la soppressione della diocesi di Trevico con bolla del 27 giugno 1818, in seguito al riordino voluto dal Concordato del 16 febbraio 1818 (117), la diocesi di Lacedonia conta dieci paesi (118): Lacedonia, Trevico, Carife, Castelbaronia, S. Nicola Baronia, S. Sossio, Flumeri, Anzano, Rocchetta S. Antonio e Scampitella, con una popolazione di circa 27.000 abitanti e 11 parrocchie (119). La popolazione sale a 28.000 abitanti nel 1903. La chiesa cattedrale, di tre navate e undici altari, di cui dieci in marmo ed uno storico in legno, fu restaurata e ampliata nella seconda metà del XIX secolo. La Mensa vescovile ha risistemato nel 1903 il pavimento in marmo, che si era avvallato per il cedimento del sottosuolo. L’altare in legno del duecento decorato con artistici intagli dorati e con un bel quadro di autore ignoto, rappresentante la Beata Vergine con ai lati S. Pietro e S. Paolo, è situato in fondo alla navata sinistra. È stato solennemente consacrato nel 1892 dal vescovo Diomede Falconio e fornito di arredi metallici solo nel 1903 (120). La Cattedrale è priva dell’aula capitolare. Le riunioni del collegio si tengono nell’angusta e poco decente sagrestia. Il Capitolo cura l’unica parrocchia affidata all’arciprete e si compone di 12 canonici, dei quali cinque sono dignità: un arcidiacono, un arciprete, un primicerio, un cantore e un tesoriere e di due uffici senza prebenda speciale: il teologo e il penitenziere. Non ha mansionari e supplisce alla mancanza, per l’assistenza alle funzioni, con due sacerdoti ai quali viene riconosciuta una modesta retribuzione annuale. Vive di massa comune divisa in parti uguali senza alcuna distinzione tranne l’arciprete, seconda dignità, che ha una rendita speciale per la cura delle anime. Dei 12 stalli canonicali uno è vacante dal mese di maggio 1902 (121). Le Collegiate nella prima relazione sono due e risultano entrambe soppresse: Trevico e Carife, e tre nella seconda con l’aggiunta di Flumeri. La chiesa collegiata di Trevico, priva di due volte e minacciante rovina nel muro orientale, è stata ristrutturata con la riedificazione del muro dalle fondamenta e con il rifacimento delle volte. Restano da fare, nel 1903, una parte di stucco e le decorazioni. Il collegio da 12 è ridotto a 6 canonici, dei quali due sono vecchi, pensionati e infermi, tre statuari e l’arciprete. La Collegiata di Carife è in buono stato. Il collegio, che contava 24 canonici, è ridotto a 6: tre pensionati, due statuari e “l’Abate, capo del Collegio, porta la cura delle anime”. La Collegiata di Flumeri è in buono stato, ad eccezione di qualche piccola riparazione che verrà realizzata dal Municipio. Il collegio da 18 è ridotto a tre membri, un canonico pensionato, uno statutario e l’arciprete. Le 11 chiese parrocchiali, fuorché quelle di Anzano e di Scampitella, hanno un clero ricettizio ora soppresso. Nel 1898 risultano tutte in uno stato materiale mediocre e bisognose di restauri, povere, comprese le 39 cappelle rurali e quelle delle confraternite, scarse di arredi e sprovviste di fabbricerie eccettuata la Collegiata di Carife (122). Nella seconda relazione 7 chiese sono in buono stato, due si stanno restaurando. Una, la più bella per stucchi barocchi, non è ben tenuta e necessita di opportuni lavori di riparazioni. La chiesa parrocchiale di S. Sossio abbisogna di lavori. Il nuovo parroco promette di provvedere. Le parrocchie di S. Maria delle Fratte in Castelbaronia con 4 partecipanti, S. Nicola con 5, S. Sossio con 8 e Rocchetta S. Antonio con 7 sono chiese ricettizie. A Castelbaronia vi è un monastero di frati minori di S. Francesco d’Assisi, ora soppresso, dove risiedono, per la custodia della chiesa, un sacerdote e due laici dello stesso ordine. Nella diocesi non vi sono né monasteri di donne né ospedali. A Lacedonia 5 suore delle Figlie di S. Anna si dedicano all’insegnamento nelle scuole elementari municipali e reggono un asilo infantile. Si contano 18 congregazioni, di cui 16 con oratori propri e due con oratori presso le chiese parrocchiali. Sei oratori di congreghe hanno bisogno di riparazioni. Per la povertà dei sodalizi difficilmente potranno essere eseguiti i lavori. Le 21 cappelle urbane e rurali sono in uno stato materiale discreto. La cappella rurale di S. Giuseppe, appartenente alla parrocchia di Scampitella, è ridotta in uno stato miserevole. Si obbliga il patrono al restauro concedendo 8 mesi di tempo pena la interdizione. Il prelato lamenta la scarsezza di arredi sacri in tutte le chiese, salvo poche eccezioni, e la poca cura per gli esistenti “a causa della miseria eccezionale di tutti i paesi della diocesi e poco zelo del clero”. La chiesa cattedrale e la più povera di arredi sacri tanto che il vescovo e costretto a celebrare i pontificali con paramenti riparati con toppe di vari colori. Da circa mezzo secolo essi non vengono rinnovati, salvo qualche parte del parato violaceo, per la insufficiente disponibilità finanziaria del Capitolo e della Mensa vescovile, dai quali numerosi cittadini indigenti attendono quotidianamente il necessario per la loro esistenza. “Lacedonia è per eccellenza la città della miseria, che domina tutte le famiglie meno pochissime che tirano innanzi colle usure“. I sette vescovi precedenti, negli ultimi cinquant’anni, non hanno potuto per questo sollevare la cattedrale dallo stato miserevole. Lo stesso Zimarino ha potuto saldare i debiti contratti per la elevazione alla cattedra episcopale solo all’inizio del 1903. La chiesa cattedrale, le ricettizie di Trevico e di Carife hanno un modesto e appena sufficiente reddito di fabbriceria. Nel comune di S. Sossio vi è un Monte di Pietà, detto Monte frumentario, amministrato dal parroco e da due anziani sotto la sorveglianza del vescovo. Il capitale, costituito da grano ammontante nel 1898 a 210 tomoli, viene ceduto annualmente ai poveri contadini con un minimo interesse. Un altro Monte frumentario è nel comune di Carife, fondato nel 1884 da Francesco Pezzano, ed è amministrato dal parroco e da due laici, di cui uno nominato dal vescovo e uno dal Municipio, ed è posto alle dipendenze del vescovo. Ha un capitale di “550 ettolitri di grano e di granaria” che si distribuisce ai poveri agricoltori con l’interesse del 4 1/2 per cento. Il fondo serve a mantenere un chierico in Seminario e a maritare le zitelle povere. La eventuale parte residua si largisce ai poveri.

IL VESCOVO 

Mons. Zimarino tiene a sottolineare il suo impegno a risiedere in diocesi. La sua presenza è infatti continua, tranne pochi giorni per recarsi a Roma e a Taranto ad aprile, agosto e settembre 1900 per i congressi cattolici, il giubileo e le conferenze regionali, ed a marzo 1902 per presenziare alle feste giubilari del S. Padre. Si reca per quindici giorni presso due vescovi amici nel 1897. Si assenta per un mese nel 1898 per motivi di salute e per la cura dell’acqua di Fiuggi (123). Esegue le visite pastorali (alla fine del 1901 restano da visitare solo due parrocchie), tiene personalmente le sacre ordinazioni ad eccezione di una effettuata dal vescovo di Ferentino, essendo il giovane sacerdote studente di quel Seminario, somministra il sacramento della confermazione e a Lacedonia, se chiamato e a qualsiasi ora, adempie agli uffici nelle abitazioni degli infermi. Su richiesta e secondo le prescrizioni canoniche amministra il sacramento dell’ordine anche agli extradiocesani. Per ragioni di salute predica in cattedrale solamente nelle quattro domeniche dell’Avvento, in tutte le solennità e durante tutta la Quaresima con un corso spirituale per il popolo e nel 1903 anche per il clero. Nelle altre occasioni si serve di sacerdoti idonei. Nelle due ultime visite pastorali ha condotto con sé un oratore sacro “per annunziare ai fedeli la parola di Dio”. In preparazione della festa dell’ Immacolata, 8 dicembre, a cura della Congregazione di S. Nicola Taumaturgo, si organizzano per otto giorni esercizi spirituali per i fedeli. Si sono disposti anche esercizi spirituali “in forma di missione” presso tutte le parrocchie. Un benefattore ha assegnato al vescovo un legato per due maritaggi all’anno di £. 50 ognuno e il resto della rendita per opere caritatevoli. Non si sono verificati eccessivi ostacoli per l’ufficio e la giurisdizione ecclesiastica, benché essa venga limitata dalle leggi lesive dei sacri canoni. Nell’ottobre 1892 due sacerdoti di S. Sossio, sospesi a dívinis per i loro disordinati costumi, si erano querelati presso il potere giudiziario laico. La vertenza si ricompone con la revoca della denuncia. Nella prima relazione il vescovo ammette di non aver fatto opere pie di rilievo. Si è occupato però del Seminario promuovendo e riordinano gli studi, la disciplina e la pietà degli alunni. Ha eretto nella parrocchia rurale di Scampitella una congregazione di contadini, sotto il patrocinio di Maria Santissima della Consolazione, per richiamare i coloni alla vita cristiana e per allontanarli dal vizio. Anche a Lacedonia ha fondato la Pia Unione delle Figlie di Maria, dove si sono iscritte molte fanciulle, sotto la direzione delle Figlie di S. Anna e aggregata alla primaria di Roma. Ha incoraggiato e contribuito anche economicamente al restauro di una cappella, ha caldeggiato e concorso con la rendita del Legato Festa all’erezione di un asilo infantile affidato alle figlie di S. Anna. L’istituto assiste 150 bambini e risulta un’opera “provvidenziale per i figli dei contadini i quali sono continuamente impegnati nei lavori dei campi”. Le suore sono mantenute dalla Congregazione di Carità. Nella diocesi non vi è deposito di pene pecuniarie. Non si è tenuto il sinodo ne provinciale né diocesano.

IL SEMINARIO

Il Seminario diocesano, annesso alla modesta abitazione episcopale, è sotto la immediata direzione del vescovo, che ne è anche rettore. Non essendovi tasse, esso si regge con la retta degli alunni, che ammonta per gli interni a 320 lire all’anno, oltre il diritto d’ingresso ‘una tantum’ di lire 12 e per gli esterni da lire 50 a lire 70, aumentata a 90 nel 903, a seconda della classe frequentata. La rendita, al netto delle tasse di ricchezza mobile e di manomorta, è di lire 739. ll disavanzo viene coperto dalla Mensa vescovile e con cespiti eventuali. È frequentato da circa 45 alunni, di cui una metà interni e altrettanti esterni e da “borghesi”. Quattro posti sono riservati ai poveri di cui 5 sono a carico del Pio Monte della Misericordia di Napoli ed uno del Pio legato esistente a Carife. Funzionano 5 classi ginnasiali con otto insegnanti conformemente ai programmi governativi, nonché un corso di filosofia tomistica e di perfezionamento in lettere italiane, latine e greche, un corso triennale di S. Teologia le cui materie sono: morale ed istituzione di diritto canonico e istituzione teorico pratica di sacra liturgia (124). Due canonici e due sacerdoti si occupano dell’amministrazione. Il Seminario è “molto angusto”. Si sono eseguite opere di restauro e di miglioramento per rendere il luogo più igienico e idoneo e si è incaricato un ingegnere di redigere un progetto di riedificazione e ingrandimento. La spesa complessiva e stata di lire 2.500, di cui 550 per il progetto. Occorrono ancora lire 24.000.

 

115) Nato a Casalbordino, nella diocesi di Vasto, il 13 febbraio 1847. Nicola Zimarino era stato nominato canonico penitenziere della cattedrale di Vasto il 21 settembre 1882: nel 1887 divenne cancelliere della curia vescovile e nel 1895 pro-vicario generale. Fu consacrato vescovo a Roma il 1° dicembre 1895 dal cardinale M. Parocchi. Dopo Pepiscopato lacedoniese fu traslato alla sede di Gravina – Montepeloso (Irsina) il 6 dicembre 1906. Morì nel luglio 1920. Sulla diocesi ed i suoi vescovi cfr. G. G. LIBERTAZZI, La diocesi di Lacedonia nell’età moderna, Venosa 1986, e F. BARRA, Chiesa e società in Irpinia dall’unità al fascismo, Roma 1978.
116) Archivio Segreto Vaticano, Relationes ad limina, cart. 453 B. L’obbligo triennale delle relazione ad limina, ribadito da Sisto V nel 1585 con bolla “Romanus Pontifex“, non venne rispettata da mons. Zimarino per un equivoco. La prima relazione, ammessa per il 1° triennio, è stata presentata dal vescovo il 26 novembre 1898, dopo tre anni dall’ultima del suo predecessore Diomede Falconio del 26 novembre 1895. Lo Zimarino, ritenendo di dover presentare la seconda alla scadenza del triennio, cioè entro il mese di novembre 1901, chiede, in questo anno, alla Sacra Congregazione una proroga per la presentazione della successiva al mese di marzo 1902, dovendosi lo stesso recare a Roma con i suoi diocesani per le feste giubilari del Santo Padre. La Congregazione respinge la richiesta e dispensa il vescovo dalla visita perché è trascorso un anno dal tempo utile previsto per soddisfare tale obbligo fissato al 20 novembre 1900.
117) Il riordino delle diocesi vacanti avvenne dopo il periodo napoleonico e il ritorno a Napoli di Ferdinando I Borbone, con il Concordato del 1818. Lacedonia risulta vacante dalla morte del vescovo Francesco Ubaldo Maria Romanzi, morto a Lacedonia il 30 ottobre 1816. Il primo vescovo della nuova diocesi, che aveva assorbito quella soppressa di Trevico, Vincenzo Ferrari, nominato dal re ai sensi dell’art. XVII della convenzione il 7 aprile 1819, assunse il possesso della diocesi il 4 giugno 1819. Trevico era vacante dalla morte del vescovo Agostino Gregorio Golini avvenuta nel 1813.
118) Nella seconda relazione se ne riportano otto, oltre Lacedonia, omettendo Scampitella.
119) Castelbaronia ha due parrocchie.
120) Pare che il quadro sia un dono votivo del re di Napoli, Ferdinando I d’Aragona, per essere scampato alla congiura dei Baroni ordita a Lacedonia nel 1486.
121) Non si è provveduto a ricoprire la carica, per volontà espressa il 12 agosto 1902 dalla S. Congregazione, per saldare con la rendita spettante al seggio i debiti contratti dalla fabbriceria della Cattedrale e per reintegrare i capitali spesi.
122) Le leggi del 7 luglio 1866 e 15 agosto 1867 avevano soppresso i beni delle Mense vescovili, delle chiese ricettizie e degli Ordini religiosi e avevano abolito i censi, le decime e tutte le prestazioni per le opere di culto. Si assicurava solo un minimo di reddito a chi aveva la cura d’anime. Il clero divenne perciò povero. E’ questa una ragione per cui incominciarono a mancare le vocazioni religiose.
123) I vescovi del regno di Napoli si assentavano molto spesso dalle diocesi, adducendo come scusante motivi di salute, scomodità della sede, ecc. La Curia romana compì notevoli sforzi per richiamarli al dovere. L’obbligo della residenza fu sancito, con bolla del 12 dicembre 1635, da Urbano VIII, il quale istituì un’apposita Congregazione per la sua osservanza. Benedetto XIV, il 3 settembre 1746, riorganizzò la Congregazione istituita da Urbano VIII.
124) l testi usati erano:
– per filosofia tomistica l’opera di Gambardella;
– per  dommatica il compendio di Knoll;
– per morale l’opera di De Vecchio;
– per diritto canonico il compendio di P. Cercia.
La scelta degli insegnanti e dei testi da adottare nei Seminari era subordinata al giudizio della Congregazione romana per uniformare gli indirizzi didattici. Per i testi usati nel Seminario lacedoniese la Sacra Congregazione obiettò che il testo del Gambardella “è buono benché assai ristretto” Da notare che, come in tutti gli altri Seminari, anche a Lacedonia l’indirizzo era esclusivamente umanistico, con esclusione di materie scientifiche e della conoscenza della cultura recente e contemporanea. È importante conoscere gli indirizzi didattici e i testi usati perché da essi si ricava la cultura del tempo e gli orientamenti del vescovo nonché eventuali aperture a rinnovamenti.

Informiamo a chi ci legge: LACEDONIA DAL MEDIOEVO AL XX SECOLO (di Carmine Ziccardi). Pubblicato da: Associazione Culturale Lacedonia di Lugano, foto copertina di (Michele Bortone), Le fotografie riportate sul libro… (studio fotografico Progetto di A. Coppola)

La frase: I SENTIMENTI SONO COME LE FOGLIE, LA PIÙ BELLA RESTA TRA I RAMI), di Michele Bortone.

Pubblicazione non in vendita, la si può richiedere a: Associazione Culturale Lacedonia, (Rocco Di Conza), oppure Associazione Lacedoniesi e Campani nel Mondo, Michele Bortone Lugano

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

1

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.