LUIGI SALZARULO – “Circolo del viaggiatore Lioni”

Foto e testo gentilmente concessa dall’autore.

LE SORGENTI DEL FIUME OFANTO — Torella Dei Lombardi (Irpinia-Avellino)

L’Ofanto (dal latino Aufidus) è il più importante fiume della Puglia per lunghezza, bacino e ricchezza d’acque; inoltre, con i suoi 170 km totali di corso risulta anche il fiume più lungo fra quelli che sfociano nell’Adriatico a sud del Reno e in assoluto il secondo del Mezzogiorno d’Italia dopo il Volturno.Nell’Italia antica il fiume Ofanto fu conosciuto col nome di Aufidus ed è celebre per vari motivi: nei pressi dell’Aufidus fu combattuta la Battaglia di Canne; fu celebrato più volte nelle sue liriche da Quinto Orazio Flacco. Lungo il corso di questo fiume sorgevano antiche città che furono protagoniste di molti eventi storici importanti, possiamo citarne alcune: Compsa (attuale Conza della Campania), Canusium (attuale Canosa di Puglia), la rocca di Canne dove fu combattuta la più sanguinosa battaglia della storia, l’antica Aufidena e, non distante da esso, la stessa Venusia (ovvero l’odierna città lucana di Venosa) dove il famoso poeta latino Orazio nacque e visse la propria adolescenza. Una delle prime citazioni storiografiche sull’antico Aufidus risale a Polibio. Lo storico greco menziona il fiume proprio quando descrive gli eventi che caratterizzarono la disastrosa battaglia di Canne. La sua sorgente si trova sull’Altopiano Irpino a 715 m d’altezza, sotto il piano dell’Angelo, a sud di Torella dei Lombardi, in provincia di Avellino. Attraversa parte della Campania e della Basilicata, scorrendo poi prevalentemente in Puglia. Sfocia nel mare Adriatico, tra Barletta e Margherita di Savoia. Esso è lungo circa 170 km e si suddivide in Alto Ofanto (parte irpina del fiume) e Basso Ofanto (parte pugliese del fiume). L’Alto Ofanto attraversa un territorio con una intrinseca fragilità geologica, con frequenti fenomeni di dissesto idrogeologico e forte grado di sismicità, inoltre, interessante è anche l’andamento pluviometrico: si registra una piovosità media pari a 790 mm annui, con punte di 1100–1200 mm. La parte pugliese, cioè il Basso Ofanto, si presenta diversa geologicamente ed è caratterizzata da una minore piovosità (pari a circa la metà di quella che si registra nella parte irpina del fiume), tipica della Puglia. Alla fine del suo corso, l’Ofanto termina con una foce a delta, anche se in rapido arretramento verso un estuario. La pendenza media del fiume è dello 0,533%. L’Ofanto ha un regime marcatamente torrentizio con piene notevoli in autunno e inverno per le precipitazioni e magre notevolissime in estate. A dispetto poi della notevole lunghezza ed estensione di bacino la sua portata media alla foce è abbastanza scarsa (meno di 15 metri cubi al secondo)All’interno del bacino dell’Ofanto sono presenti alcuni invasi idrici indispensabili per la popolazione e per l’economia a causa della scarsità d’acqua soprattutto nelle zone delle Murge. Gli invasi sono quelli di Conza, Osento, Marana Capacciotti, Rendina, Locone, Lampeggiano, S.Pietro e Saetta. Questi invasi hanno ridotto notevolmente la portata d’acqua del fiume, non più ricca ed abbondante come quella di un tempo.Le città e i paesi attraversati in provincia di Avellino sono: Andretta, Aquilonia, Bisaccia, Cairano, Calitri, Caposele, Conza della Campania, Guardia Lombardi, Lacedonia, Lioni, Monteverde, Morra De Sanctis, Nusco, Sant’Andrea di Conza, Sant’Angelo dei Lombardi, Teora, Torella dei Lombardi (sorgente), per un totale di 18 comuni e una popolazione di 55.238 abitanti.I territori comunali attraversati in provincia di Potenza sono quelli di: Atella, Melfi, Lavello, Pescopagano, Rapone, Rionero in Vulture, Ruvo del Monte per un totale di 7 comuni e una popolazione di circa 50.000 abitanti.Le città e i paesi attraversati in provincia di Foggia sono: Ascoli Satriano, Candela, Cerignola, Rocchetta Sant’Antonio, per un totale di 4 comuni e una popolazione di 66.996 abitanti.Le città e i paesi attraversati in provincia di Barletta- Andria-Trani sono: Barletta, Canosa di Puglia, Margherita di Savoia (foce), Minervino Murge, San Ferdinando di Puglia, Spinazzola, Trinitapoli, per un totale di 7 comuni e una popolazione di 179.414 abitanti.